Edizioni porfido‎ > ‎

Breve storia del tuchinaggio

Gustavo Buratti, Breve storia del tuchinaggio occitano e piemontese, 16 pagine, 2.00 €
 

I Tuchini (Tuchiens) sono menzionati per la prima volta nel 1361. Da allora, dopo i massacri di disperate Jacquerie, ha inizio una vera e propria guerra contadina che dimostra l’esistenza di una cospirazione estesa e organizzata che si diffonderà tra Francia e Piemonte fino a metà del Cinquecento e, con alterne vicende, si riproporrà fino al secolo scorso.

Tra le molteplici cause vi erano la miseria, la carestia, la crisi economica determinata dalla borghesia che acquistava terreni e ne faceva latifondi gettando i contadini sul lastrico...

Ma soprattutto vi era lo scontro tra due “mondi” inconciliabili: proprietà privata invece di terra comunitaria; ordine e obbedienza invece di decisioni collettive; religione come supporto del potere anziché radicata nel culto della terra madre.

Era, insomma, il conflitto tra la civiltà della pianura, espressione del diritto romano e feudale, e una civiltà “altra”, rustica e arcaica, che lo Stato moderno in formazione doveva con ogni mezzo estirpare.

Ċ
Centro di Documentazione Porfido - Distribuzione,
17 ago 2010, 10:33
Comments